foto 2.jpg

“La sofferenza può diventare la via d’accesso alla felicità perché sentirsi amati, curati e connessi 

è quello che ci rende veramente felici”

Kristin Neff

 

Perché abbiamo bisogno della compassione? Anche se siamo nati in una condizione relativamente avvantaggiata, con disponibilità di cibo, una casa che ci offre riparo, persone che ci amano, istruzione e opportunità per conseguire i nostri obbiettivi, la vita è costellata non solo di gioie ma anche di dolori. Ci ammaliamo, invecchiamo, perdiamo persone care, falliamo in cose a cui teniamo, ci confrontiamo con relazioni imperfette, moriamo. Avere una vita umana significa anche questo ma possiamo dimenticarcelo. Possiamo dimenticare che queste esperienze e i vissuti che generano sono universali e, al contrario, sperimentarli come “isolanti” ed espressione del fatto che in noi qualcosa non va. Invece che allungare le braccia per chiedere aiuto possiamo ritirarci dagli altri. Invece che sostenere, incoraggiare e rassicurare noi stessi, possiamo affrontare le nostre difficoltà con autocritiche, sensi di colpa e vergogna.

 

Il programma Mindful Self-Compassion (MSC) è un percorso di 8 settimane in cui ci dedichiamo a coltivare le abilità di autocompassione. Validato scientificamente dalla ricerca di Kristin Neff (Ricercatrice e Docente di sviluppo umano presso l’Università del Texas) e basato sull'esperienza clinica di Christopher Germer (Psicoterapeuta e insegnante di Mindfulness e Compassione), MSC insegna i principi e le pratiche fondamentali che aprono alla possibilità di rispondere ai momenti difficili della vita con gentilezza, cura e comprensione.

 

Le tre componenti chiave dell'auto-compassione sono la gentilezza verso sé, il senso di umanità condivisa e una consapevolezza equilibrata (Mindfulness). La gentilezza apre i nostri cuori alla sofferenza, in modo da poterci dare quello di cui abbiamo bisogno. Riconoscere che nel corso della vita la sofferenza tocca ogni essere umano, ci fa sentire meno soli e diversi nei momenti di difficoltà. La qualità della Mindfulness ci apre al momento presente, così da poter riconoscere e accogliere la nostra esperienza con maggiore facilità.

Tutte e 3 insieme creano uno stato di presenza amorevole e connessa.

 

La compassione verso sé è un atteggiamento profondo già presente in noi che possiamo contattare e nutrire anche nelle condizioni più sfavorevoli ed è proprio in queste circostanze che possiamo connetterci col desiderio autentico di alleviare la nostra sofferenza e il profondo conforto che deriva dal prenderci cura di noi. 

La self-compassion un sentimento coraggioso che fornisce forza emotiva e resilienza, permettendoci di ammettere i nostri errori, motivarci con gentilezza, perdonarci quando necessario, relazionarci con tutto il cuore verso gli altri ed essere più autenticamente noi stessi.

 

Centinaia di ricerche cliniche in rapida espansione dimostrano che la compassione verso sé è fortemente associata al benessere emotivo, a minor ansia, depressione e stress, al mantenimento di abitudini sane come seguire una dieta e fare esercizio fisico, oltre che a soddisfacenti relazioni personali.     


Durante il percorso di MSC ci alleniamo a: 

 

● Praticare l'auto-compassione nella vita quotidiana

● Comprendere i benefici della compassione verso noi stessi

● Motivarci con gentilezza anziché con critica

● Gestire le emozioni difficili con maggiore facilità

● Trasformare relazioni difficili, vecchie e nuove

● Gestire la fatica che possiamo provare nel prenderci cura di altre persone

● Praticare l'arte di assaporare e apprezzare noi stessi

 

Cosa aspettarsi:

 

Le attività del programma includono meditazioni, brevi spiegazioni di argomenti che ruotano intorno al tema della self-compassion, esercizi esperienziali, condivisioni in gruppo e pratiche a casa. La natura prettamente esperienziale degli incontri e del lavoro a casa ci permetterà di sperimentare direttamente e nella vita quotidiana il vissuto della compassione per noi stessi e i suoi effetti benefici.

MSC non è un corso di Mindfulness perché, nonostante la consapevolezza sia il fondamento della self-compassion, ci dedichiamo principalmente a seminare e coltivare la compassione. MSC non è nemmeno una psicoterapia nella misura in cui l'enfasi della compassione per sé è nella costruzione di risorse emotive piuttosto che nell'affrontare vecchie ferite. II cambiamento benefico avviene in modo naturale quando sviluppiamo la capacità di stare con noi stessi in un modo più gentile e premuroso.

MSC comprende 8 sessioni settimanali di 2 ore e 45 minuti ciascuna e un ritiro di 4 ore. Prima di registrarsi, chi desidera partecipare dovrebbe pianificare di partecipare a ogni sessione e praticare consapevolezza e autocompassione per almeno 30 minuti al giorno durante il programma.

Dall'8 ottobre al 3 dicembre 2021propongo insieme al collega Luca Leoncini un'edizione online del percorso MSC.

Per informazioni e iscrizioni potete contattare entrambi via mail o telefonicamente.

A chi ha già frequentato il percorso, Luca ed io proponiamo degli incontri di pratica online, liberi e gratuiti il mercoledì sera dalle 19.30 alle 20.10 ogni due settimane e dei seminari monotematici di approfondimento.

Sotto le info pratiche!

La self-compassion è un atteggiamento coraggioso di cura che diversamente dall'autocritica
Locandina seminari monotematici ottobre 21 - gennaio 22.jpg
Verde Blu Colorato Motivo Floreale Scuola Materna Newsletter-3.jpg